Il mio esibizionismo – Episodio 2 – La fiera di paese

In

Successivo >
Letture: 638

Tornata al bungalow come vi ho detto la volta precedente ero così eccitata che appena entrata mi sono spogliata nuda – non che avessi molto indosso, solo sandali, tanga del costume e copricostume – e li in piedi ho cominciato a toccarmi furiosamente, con la mente sommersa da un delirio di sensazioni piacevoli. Il mio dito medio frugava nella mia intimità mentre fantasticavo di godere davanti a tutti, con decine e decine di paia di occhi che mi guardavano. I miei umori colavano abbondanti, bagnandomi le cosce. Raggiunsi il mio sedere con l’altra mano, e dopo raccolti un po’ di succhi della mia vagina misi la punta dell’indice nel buchetto, sempre pensando che lo facevo per eccitare chi mi guardava. Raggiunto un poderoso orgasmo che non provavo da secoli sentii le ginocchia piegarsi, e finii in ginocchio sul pavimento con i seni che andavano su e giù per il fiatone. Preso fiato e sempre nuda andai in bagno, mi feci una gran doccia e cominciai a riflettere. Se era quello che volevo, potevo continuare a giocare secondo queste regole, e magari spingermi anche oltre.

In paese c’era una fiera con banchetti di merci varie acchiappaturisti e un po’ di attrazioni sullo stile di mini lunapark. Avevo in programma una pizza ed un giro in piazza, e mi pareva una ottima occasione di andare e continuare a stare oltre quel confine che fino ad ora non avevo mai passato. Dovevo scegliere come vestirmi. Anzi, QUANTO vestirmi oltre che come. I capezzoli dritti sotto il copricostume senza il reggiseno di poche ore prima erano stati estremamente eccitanti, e volevo ripetere. Ma volevo di più, volevo di nuovo la sensazione di essere nuda davanti a sconosciuti. Non avrei indossato l’intimo, niente del tutto. Il copricostume era troppo “da mare”, ma avevo una maglietta bianca con disegni ispirati ad un manga (una scopiazzatura, ma carina) ed una gonna anche lei bianca, non troppo corta ma non troppo lunga. indossai tutto per provarlo davanti ad uno specchio. Non andava. Il bianco era troppo trasparente, mi si vedevano i capezzoli ed addirittura culo e figa erano in vista attraverso il tessuto leggero. Si, volevo essere esibizionista, ma non arrestata. Cambio programma, e vediamo il resto della valigia: un vestitino viola leggero ma coprente, lungo fino quasi al ginocchio. Avrei dovuto completarlo con una cintura decorativa, ma fingendo che fosse per il gran caldo non ce la misi. Mi pendeva oltre i seni, facendo intravedere la sagoma dei capezzoli, ed era pronto a svolazzare – almeno nella mia fantasia – pur essendo abbastanza lungo da non rendere il pericolo di mostrare la figa in piazza troppo presente. Giusto quel pizzico di pepe che mi avrebbe eccitato e costretto a tenerlo sotto controllo. Scollatura e sbracciatura erano sufficienti a costringermi a tenere d’occhio anche quelle, ma con l’idea che se avessi voluto avrei potuto, spostando le braccia, mostrare un po’ di tette a qualcuno. E se alla fine della serata fosse finita in una scopata con qualche bel ragazzo, meglio ancora. Ero super vogliosa dopo l’esperienza di prima.

Prima di tutto la cena. Avevo adocchiato un locale le cui pizze (che avevo visto servire ai clienti passando) mi avevano davvero attirato. In pochi minuti lo raggiunsi, e scelsi un tavolo dove stavo un po’ più vicina alla strada a cui davo il fianco destro. Avevo una mezza idea, e volevo vedere se potevo metterla in pratica. Ordinai una margherita con aggiunta di basilico in uscita (la mia preferita), una birra e acqua gassata. Una cena semplice ma gustosa che avrebbe avuto, speravo, un “contorno” eccitante.

Come speravo passavano parecchie auto, lentamente per il luogo centrale del paese, e quindi guidatori e passeggeri avrebbero potuto distrarsi guardando di fianco. Arrivata la mia cena vidi che il mio piano diabolico poteva funzionare perfettamente. Potevo portarmi la forchetta alla bocca ben composta, ma alzando il gomito mostravo tutta la tetta destra a chi stava nelle vetture di passaggio. Ottimo. E potevo ovviamente far finta di non essermi accorta di niente… la mia fighetta era in brodo di giuggiole, ed i miei capezzoli eretti svettavano sotto la stoffa. Ogni qualche pezzo di pizza uno mi costringeva “casualmente” ad alzare il gomito, e mi godevo con la coda dell’occhio le eventuali reazioni. Non tutti se ne accorgevano, ma era comunque bellissimo. Il mio seno destro sarà stato mostrato almeno una trentina di volte, e sono certa che almeno una decina di volte sia stato visto. Sentivo le farfalle nella pancia, e quando mi alzai dalla ed andai a pagare il conto avevo quasi il fiato corto. Avevo voglia, davvero.

Uscita dalla pizzeria mi aggirai tra i banchetti in cerca di ispirazione. Nulla mi attirava gran che, ma cercavo una scusa per mostrare un altro po’ di pelle, possibilmente pelle che di norma non si mostra.

Entrai nella piazza dove c’era una sorta di lunapark, e mi misi a guardare con discrezione le varie attrazioni. Potevo fare l’autoscontro e approfittare dei sobbalzi per far vedere i seni? No… non era quel che cercavo. Poi vidi “la casa degli orrori”, dove si entrava e si veniva “spaventati” da ignobili pupazzi a molla di scheletri e vampiri nel buio che avrebbe nascosto il fatto che di certo avrei tirato su il vestito, e che aveva una bella sorpresa alla fine. Uscendo si passava da una porta sotto alla quale un getto di aria compressa spaventava chi non se lo aspettava. E la mia gonna era pronta a svolazzare “casualmente”. Feci il biglietto, entrai nel buio e rimasi qualche minuto ad aggirarmi tra casse da morto ed altre stupidaggini, ma con la soddisfazione di chinarmi a “vedere qualcosa” mostrando il culo ad un lui ed una lei. Lei probabilmente non sarà stata felice, ma sono certissima che lui abbia dovuto durare molta fatica a far finta che non gli interessassero le mie chiappe.

Era il momento di uscire, dovevo organizzarmi bene. Doveva sembrare un caso, e dovevo prontamente riabbassare la gonna, ma solo dopo aver mostrato la mia passera ed il mio culetto. Mi avviai nell’ultimo corridoio buio, uscendo dalla porta nera che conduceva fuori. E come prevedevo partì il poderoso soffio di aria compressa. La gonna si alzò come una mongolfiera mostrando la micia. O cavolo, era bellissimo sapere che mi stavano vedendo in tanti. La micia bagnata sentiva il flusso d’aria compressa e sentivo quasi gelo. In un lampo puntai tutte e due le mani in basso abbassando la gonna sul davanti e girandomi, come per vergogna. La gonna si alzò sul mio culo, e feci vedere anche quello. Ero stata completamente nuda in pubblico, e stato per sfiorare l’orgasmo. Buttai la gonna giù dietro girandomi di nuovo e godendomi il fatto che di nuovo il tessuto si alzasse rivelando per un attimo la fica. Tutto previsto, mi ero studiata tutto prima di entrare. Stavolta la buttai giù con una sola mano, tenendo l’altra a tenere giù la parte dietro, e uscii dal flusso d’aria. Mi accolsero fischi ed applausi di un gruppo di ragazzi li davanti con bicchieri di plastica pieni di birra in mano.

Corsi via, rossa come se mi vergognassi. In realtà avevo urgente bisogno di infilarmi qualcosa nella vagina ed avere un orgasmo epico, e nel bungalow avevo giusto un paio di zucchine che sarebbero dovute diventare frittata l’indomani, da portare in spiaggia. Ma prima sapevo come usarle.

Un racconto di fantasia (di fantasia, ma non troppo. Una amica ha fatto un bel giro con un vestito giallo svolazzante nuda sotto, godendosi l’eccitazione) di Alpha Master: alphamaster@mail.com Scrivete pure per i commenti o se siete una donna che vuol provare il brivido della sottomissione o una coppia con almeno lei sottomessa interessata ad un master “virtuale” per lei. – Sarà richiesta prova fotografica (anonima e senza faccia) per evitare i maschi che si spacciano per femmine o per coppie)

Nella raccolta:

Successivo >

Scritto da:

Sono un maschio etero, dominante. Amo intrattenere rapporti con donne sottomesse tramite email o Telegram.

3 commenti

  1. Gisella
    29/07/2022
    14:35

    Sempre grandi racconti bravissimo

  2. Gisella
    29/07/2022
    14:58

    Sempre bei racconti bravissimo

  3. Darkside87mi
    31/07/2022
    10:01

    Spero tu voglia continuare questa serie perché mi intriga parecchio !

Commenta  

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *