Albicocche

Categoria: Etero
Letture: 1290

Sono spaparanzato sul divano, dai tuoi genitori dopo pranzo, io e tuo padre stiamo guardando la formula uno, anzi lui guarda la formula uno, io dormo clamorosamente. In fondo è domenica pomeriggio e tua mamma si è davvero superata questa volta con le portate.

“Dai pigrone vieni con me! Mamma ha detto che ci sono le albicocche da raccogliere per la marmellata!”

“Ma tu non mangi la marmellata!”

“Infatti la voglio fare per te tesoro”

“Himpff!! Ok …ma vieni vestita così?!” Hai addosso un bellissimo vestito di cotone bianco, lungo fino ai piedi, anzi forse anche un po’ più lungo visto che ogni tanto lo pesti… “Giusto!” corri via, io spero di essermela sgavagnata. Ma dopo dieci minuti sei di ritorno.

“Sono pronta andiamo?!” Ti sei messa un paio di stivali di gomma ed un vecchio vestito di quando eri ragazza, ti sta indecentemente corto e scollato. Tuo padre non ti vede neppure altrimenti gli sarebbe venuto un infarto a vederti così vestita.

“O cavolo arrivo!” Salto su come un razzo e ti seguo di fuori.

“Metti gli stivali anche tu, ieri ha piovuto e nel campo c’è il fango” Mi metto gli stivali di tuo babbo, raccolgo due cestini per la frutta, prendo la scala a pioli e ti seguo.

“Ma è tuo quel vestito? ma dove andavi vestita così?!” Sghignazzi “E’ l’unico che mi andava ancora tra quelli che ho trovato, naturalmente mi stava più lungo, avevo altre forme quando lo usavo”

“Lo sai vero che non riuscirò per molto a tenere le mani a posto?!” Mi fai un sorrisino malizioso, continuando a camminare. Per arrivare agli alberi da frutta bisogna fare una stradina di terra (oggi fango) che costeggia un campo coltivato, poi dietro la collina c’è il frutteto. Cammini davanti a me saltellando, mentre io arranco sotto il peso della scala, il tuo vestito svolazza mostrando strepitose viste delle tue chiappe.

“Lo stai facendo a posta?!”

“Cosa?!” ma il sorriso che mi fai mi dice che sai benissimo di cosa sto parlando.

“Iniziamo da quest’albero?!” Siamo arrivati al frutteto, appoggio la scala all’albero, i cestini li metto per terra e … Mi volto di scatto e ti acchiappo, ti stringo tra le mie braccia e cerco di baciarti. “Dai dobbiamo lavorare, prima il dovere poi il piacere!” “Non so se ne sono capace, senti quanto sono duro!?” “Si ma prima raccogliamo la frutta” Ti passo le mani su tutto il corpo, ti stringo le chiappe con forza sotto quel ridicolo vestitino, mi riempio le mani di te, poi ti bacio e mi stacco per mettermi al lavoro. Salgo sulla scala con un cestino e inizio a raccogliere, mentre tu lo fai da basso. Quando ho finito di raccogliere la frutta che riesco a raggiungere mi volto a guardarti. Sei sotto di me e da sopra si ha una visuale sul tuo seno che è qualcosa di davvero troppo sexy da reggere, l’uccello mi fa male nei pantaloni, me lo devo sistemare, tu noti il movimento e mi sorridi.

“Devo spostare la scala” La sistemo dall’altra parte dell’albero per poter arrivare anche in quella parte.

“Tocca a me salire” Ti guardo dubbioso, strano, lo fai fare sempre a me… va beh per me è uguale. Quando sali sulla scala mi rendo conto che non è uguale proprio per nulla. Da sotto ho una vista perfetta delle tue bellissime gambe e del tuo culo, non solo, quando ti sporgi riesco a vedere perfino la pancia ed il seno. Così è davvero troppo. Appoggio il cestino per terra e ti vengo dietro. Resto un attimo a contemplare lo spettacolo, poi infilo direttamente la faccia tra le tue chiappe. Ti blocco i fianchi e strofino il mio naso nel mezzo di quei due globi di carne. Aspiro il tuo odore, poi ti do un morso su una chiappa, prendo l’elastico delle mutande e te lo strattono giù.

“Aiha fai piano!”

“Piano?! Non ci penso neppure!” Ti allargo le chiappe e lecco, lecco dove arrivo, prima sul buchino, poi ti chini un poco e mi fai arrivare alle labbra e al clitoride. Quanto mi piace il tuo succo, così dolce e profumato, altro che la frutta! “Scendi!”

Mi calo i calzoni e le mutande mentre tu scendi lentamente dalla scala un po’ impedita nei movimenti dalle mutande a metà coscia. Ti appoggi alla scala e sporgi il culo indietro. Non perdo tempo, mi aggrappo ai tuoi fianchi ed entro dentro di te.

Sospiri, restiamo fermi qualche secondo, poi iniziamo a muoverci uno contro l’altro, sempre più veloce. Siamo due animali che vogliono godere e basta, sempre più forte. Il movimento scuote l’albero e la frutta ci cade addosso, stanno grandinando albicocche.

Ridiamo mentre spingo sempre più forte.

Le albicocche cadono ovunque, poi improvvisamente smetti di ridere, inizi a grugnire mentre stringi la scala con forza, vedo le nocche bianche delle mani mentre ti irrigidisci, alzi la testa verso il cielo ed urli fortissimo, ti chiudo la bocca con una mano. Ma non resisto più, ti do due ultime botte, ed esplodo dentro di te, tenendomi ben stretto ai tuoi fianchi, grugnendo come un animale. Mi stritoli con i tuoi muscoli interni, poi piano piano ti sfili, mi sorridi poi ti chini per pulirmi con la bocca. Cavolo sei uno spettacolo, ti accarezzo la testa, mi sta tornando duro. Mi sorridi mi dai un bacio con lo schiocco sulla cappella e ti rialzi.

“Sbrighiamoci a raccogliere la frutta prima che ci vengano a cercare!” Come al solito hai ragione tu, raccogliamo la frutta che abbiamo fatto cadere a terra, ridendo.

“Certo che così si fa molto prima a raccogliere le albicocche!”

“Si ed è anche più divertente!!” Raccogliamo fin troppa frutta per noi, ma non la possiamo lasciare a terra. Mentre raccogliamo i cestini per tornare alla casa io ti guardo con desiderio. Te ne accorgi e mi sorridi. “Dai adesso andiamo dai miei, poi a casa…” “A fare la marmellata?!” “Sì… può darsi…anche” Ti incammini e io come al solito mi ritrovo a seguire il movimento ipnotico dei tuoi fianchi.

Scritto da:

Mi piace scrivere racconti erotici in cui mischio realtà e fantasia, hai letto un mio racconto? fammi sapere cosa ne pensi, consigli e critiche sono ben accette.

8 commenti

  1. TT
    01/07/2023
    14:50

    Bello, delicato e scritto benissimo.
    È davvero una bella lettura.

    1. Pollo Ollop
      01/07/2023
      18:44

      Grazie mille 😊

  2. Lukas
    02/07/2023
    11:16

    Strepitoso… Scritto molto bene… Sembra di vivere le scene rappresentate.. Complimenti!!

    1. Pollo Ollop
      03/07/2023
      07:44

      Grazie 😊

  3. Shamoan
    02/07/2023
    12:06

    Complimenti, mi piace molto la descrizione al presente ed il racconto ha reso benissimo l’idea della vostra avventura/sveltina, breve ed intensa!

    1. Pollo Ollop
      03/07/2023
      07:44

      Grazie, felice ti sia piaciuto.

  4. 07/07/2023
    09:31

    Molto gradevole ed evocativo di immagini vivide, vere, pregne di desiderio e di passione.
    Complimenti!

    1. Pollo Ollop
      10/07/2023
      12:40

      Grazie mille ☺️

Commenta  

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *